• Pubblicazione del 15 Ottobre 2014 ore 19.00
  
  

Porchetta All Stars

Porchetta a Marino foto: indeciso42di Marco Cesi -

La domenica, da bambino, era per la mia famiglia un rito la gita fuori porta; prendere la macchina e andare in giro per i Castelli, almeno per chi come me viveva a Roma.
Come ogni rito aveva anch'esso le sue consuetudini tra cui farsi fare il classico panino con la porchetta che per quanto era grosso valeva un pranzo, consumato in uno dei tanti banchi che si trovavano lungo la strada che portavano ad Ariccia, terra natale di questo cibo tradizionale.
Malgrado si possa considerare il contrario, la porchetta non è assolutamente un cibo grasso, perché, durante la cottura il grasso del maiale viene sciolto dal calore e raccolto in speciali vaschette e va servita fredda tra due belle fette di pane. Sebbene sia priva di additivi e conservanti, mantiene il suo sapore fragrante almeno per due settimane se mantenuta nel modo giusto, lontana dal caldo umido.

Leggi...

Obesi: una strada in salita

Autore: James Heilman, MDdiAmedeo Feliciani -

"Il colmo per un grassone? Nascere sotto il segno della bilancia", "Cosa fa una donna grassa sulla spiaggia? Una rotonda sul mare" ed ancora "Era così grasso che quando usciva sul balcone... si vedeva la CNN senza parabola!!!" e si potrebbe continuare all'infinito sulle battute che riguardano coloro che hanno una circonferenza più ampia del normale: gli obesi.
Quella che prima veniva considerata una persona in salute, grasso è bello, si diceva ai tempi in cui mettere pranzo insieme alla cena era a volte un’impresa. Oggi è una patologia seria, foriera di tante malattie, alcune assai gravi, anche se, dalle statistiche sembra accertato che muoiono più persone magre che ciccione, non solo, ma da altre ricerche si dimostra che chi vive la vita con lentezza, vedi il solito ciccione, vive meno stressato di chi pur essendo magro fa vita di sport tipo full immersion.

Leggi...

Vita d’ufficio: un guaio per la nostra linea

Hannah Foley, and First Lady Michelle Obama at the Kids' State Dinner in the East Room of the White House, July 18, 2014. (Official White House Photo by Amanda Lucidon)di Simona Peroni -

Ognuno di noi, all’arrivo della bella stagione, comincia a guardarsi allo specchio, sperando che il freddo invernale abbia spazzato via qualche chilo dalla circonferenza-vita. Purtroppo, se non ci siamo volutamente sottoposti ad una dieta dimagrante, scopriamo che, di anno in anno, la situazione peggiora, soprattutto a causa dei lavori sedentari che ci costringono a stare seduti per ore davanti ad un computer, spesso sgranocchiando “schifezze” per compensare tensioni ed insoddisfazioni. Dobbiamo anche considerare i giorni in cui, per motivi di lavoro, siamo costretti a saltare il pranzo ed, aiutati dalle famigerate macchinette distributrici di leccornie e dolci bibite gassate, tutto il giorno consumiamo mini-spuntini seduti alla scrivania, spesso senza neanche assaporare il gusto di ciò che mangiamo.

Leggi...

I sapori dell’estate ieri e oggi

Diagramma della Sindrome Generale di Adattamento di H. Selyedi Pinuccia Vella -

Siamo in estate ed è molto presto. Come ogni mattina, la prima cosa che faccio è andare in terrazza, dove mi godo i fiori coi loro svariati profumi e colori; alzo lo sguardo e vedo le rondini e i passerotti che cinguettano festosi, rincorrendosi; che dire del sole che, quasi timido, si fa spazio fra le bianche nuvole, che sembrano batuffoli d’ovatta.
Non posso che ringraziare e lodare Dio, per tutto ciò che i miei occhi vedono e per la serenità e la pace, che quel che vedo mi fa sentire. Subito la mia mente balza dai momenti quotidiani presenti a momenti passati lontani, soffermandosi, questa mattina, più del solito ai tempi della mia infanzia, quando era estate e le scuole erano appena finite.

Leggi...

Multe nell’Italia dei sudditi

Fonte: youtube.com/watch?v=CFO1sV4Tc4kdi Luciano Torelli -

Mi domando che cosa significhi tutelare l’ordine o esserne tutore. La domanda sorge osservando in quale modo, da parte di quasi tutti i Comuni, vengano, contestate (per dire) le contravvenzioni, esclusivamente agli automobilisti, ai quali si prende al volo il numero della targa, per poi far recapitare il verbale per posta (con spese postali aggiunte). Tale procedura, che un tempo costituiva l’eccezione, ha talmente confermato la regola, da divenire regola essa stessa, anzi, fino ad essere attualmente sancita per legge, per cui, i suddetti comportamenti del rilevante e della sua amministrazione sono ineccepibili.

Leggi...

Costume e Società
IMAGECordoba: pranzo solidale per la comunità italiana
A fine settembre abbiamo appreso di una polemica sorta sull’elezione dei Comites che ha coinvolto i senatori ed il Governo. Il grande pubblico...

Leggi...


Africa, vendono un rene per il viaggio della speranza
di Amedeo Feliciani -  Che cosa c'è dietro la donazione degli organi e i 65 mila trapianti che ogni anno si effettuano nel mondo?Fuori dalla...

Leggi...


Ottant'anni per una sentenza
di Rosario Vitti -  Tutto ebbe inizio sabato 30 giugno del 1934, quando, alle ore 11 venne fissata la prima udienza della causa che vedeva...

Leggi...


La piaga di un’Italia senza futuro
di Fabrizio Cerami -  Possiamo dire finalmente che il nostro Paese è tra i primi della classe, è proprio il caso di dirlo, rispetto agli altri 28...

Leggi...


Gli angeli del fango
di Alvise Predieri -  Ogni alluvione, terremoto e disastro ambientale ha i suoi eroi. Ma già di per sé la definizione di disastro ambientale o...

Leggi...


Italian Media s.r.l. - via del Babuino, 99, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu