• Pubblicazione del 15 Ottobre 2014 ore 19.00
  
  

Economia verde per uscire dalla crisi

Biodiversità biologica negli agrosistemi gestiti in regime di agricoltura integrata. Foto: Twice25 & Rinina25di Fabrizio Cerami - 

La crisi morde il nostro Paese da circa quattro anni, senza contare, per carità di patria, gli anni precedenti, ma per consolarci siamo in compagnia insieme ad altre nazioni europee. È inutile, però, versare lacrime sul latte versato, bisogna rimboccarsi le maniche e guardare avanti per uscire da questo maledetto tunnel della recessione.
Giusto, guardare avanti, ma dove?
Rivedendo i propri modelli di crescita, rispondono gli analisti e, soprattutto, promuovendo l'economia verde, vero volano per rilanciare la ripresa economica.

A proporre anche politicamente queste linee guida "verde" sono state le Commissioni Ambiente e Attività produttive della Camera, in un documento di sessanta pagine già avviato il 30 ottobre scorso, che suggerisce al Governo di metterle in atto non solo nel nostro Paese, ma di porle anche al centro dell'agenda europea, durante il semestre di presidenza italiana.
Nel documento parlamentare si pone, dunque, al centro del nostro sviluppo economico l'ambiente, una priorità che deve prevedere, però, una maggiore qualità della vita là dove, soprattutto, in ampie zone del nostro Paese in questi ultimi anni abbiamo avuto gravi casi di inquinamento.
Nel testo, assai dettagliato, si indicano, tra l'altro, una riforma fiscale ecologica, programmi per un utilizzo più razionale delle risorse europee, nota dolente italiana, ed investimenti  che si ripagano con la diminuzione dei costi economici e ambientali grazie alla creazione di infrastrutture verdi, come la difesa del suolo e delle acque, una burocrazia innovativa nelle procedure per i bandi pubblici e le gare d'appalto, collocando al centro il fattore qualità negli interventi, con un programma nazionale per l'efficienza e il risparmio energetico, vera e assoluta priorità strategica.
Nei prossimi sei anni, seguendo queste linee programmatiche, si potrebbe ottenere un volume di affari di 350 miliardi di euro, con un incremento di ben due punti all'anno di Pil ed importanti ricadute occupazionali nell'industria con 200mila nuovi posti di lavoro.
Bisogna, però, che non solo il Governo, ci si impegni per rilanciare gli investimenti intervenendo sullo sviluppo delle fonti energetiche rinnovabili, riconfermando le incentivazioni su ristrutturazioni edilizie, nel risparmio ed efficienza energetica nelle case e negli impianti commerciali e industriali, investendo, inoltre, in un altro settore delicato come la mobilità urbana. Infine, una politica finalmente seria per sviluppare il riciclo dei rifiuti e limitare il consumo di suolo, già troppo aggredito.
Il documenta affronta anche una nuova visione dell'agricoltura nell'ambito della nuova Pac (Politica Agricola Comune) incoraggiando coltivazioni sostenibili, e, coinvolgendo l'Europa per avviare il riutilizzo delle acque reflue per un uso agricolo e industriale per i quali ancora oggi non esiste uno standard comune per un loro impatto ambientale e sanitario.
Propositi tutti sottoscrivibili, bisognerà adesso verificare la volontà italiana ed europea di metterle in pratica. Purtroppo, visti i precedenti progetti legati all'ambiente, abbiamo qualche dubbio che si potranno portare avanti, nella loro totalità, ma confessiamo sommessamente che ci accontenteremo anche di una piccola percentuale di attuazione di queste proposte. Intanto, speriamo, per il bene del Paese, di sbagliare totalmente le nostre previsione pessimiste.

Economia
IMAGESuccessioni: aperta la caccia di risorse
di Gianluca Di Russo L'imminente legge di stabilità pone il governo nella necessità di reperire almeno 1 miliardo di euro per rimanere all'interno...

Leggi...


IMAGEAutomazione: drastica minaccia per l’occupazione
di Antonello Cannarozzo Ogni settimana a Bruxelles, come nel resto del mondo, capi di stato, governatori delle banche centrali, ministri economici,...

Leggi...


IMAGEUmile Pecorino vs Nobile Parmigiano
di Sergio Brizzi -  La notizia, diciamolo subito, è molto italiana, una "guerra" tra i prodotti delle nostre eccellenze alimentari: il nobile...

Leggi...


IMAGEISLAM: è anche finanza e fondi sovrani
di Barbara Contini In Italia il flusso degli investimenti dei fondi sovrani, provenienti dai paesi arabi, è tendenzialmente in crescita e conquista...

Leggi...


IMAGEEconomia verde per uscire dalla crisi
di Fabrizio Cerami -  La crisi morde il nostro Paese da circa quattro anni, senza contare, per carità di patria, gli anni precedenti, ma per...

Leggi...


Italian Media s.r.l. - via del Babuino, 99, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu