• Pubblicazione del 15 Ottobre 2014 ore 19.00
  
  

Il Brasile tra ordine e progresso

Il Brasile tra ordine e progressoLo chiamano "progetto di rivitalizzazione urbana". In realtà, quello che sta accadendo a Rio de Janeiro e nelle maggiori citta' brasiliane, si potrebbe definire molto più prosaicamente sfratto di massa. Parliamo della campagna messa in atto dal presidente brasiliano Dilma Rousseff per bonificare le famigerate favelas del colosso sudamericano. Una campagna che per ora ha riguardato 170mila famiglie, nella stragrande maggioranza poverissime, costrette a lasciare le proprie abitazioni, spesso dei veri e propri tuguri, per garantire le indispensabili condizioni di sicurezza in vista dei due grandi appuntamenti internazionali che il Brasile e' chiamato ad ospitare. Parliamo dei Mondiali di calcio del 2014 e delle Olimpiadi del 2016. Kermesse planetarie che sanciranno la definitiva consacrazione della rinascita brasiliana, con i riflettori di tutti i media internazionali puntati addosso e milioni di visitatori attesi da ogni angolo del mondo.

Leggi...

Amnesty International, rapporto annuale sui diritti dell'uomo 2013

Amnesty International, rapporto annuale sui diritti dell'uomo 2013
di Diego Grazioli

La condizione dei rifugiati, la violenza sulle donne, l'uso sistematico della tortura. Sono sono alcuni dei drammatici capitoli che emergono dal rapporto annuale sui diritti umani, promosso da Amnesty International. Il report, relativo all'anno 2012, analizza la situazione della tutela delle libertà personali e collettive in 159 nazioni e territori. E la fotografia

Leggi...

Sollevato dall'incarico Vyacheslav Surkov

Autore: Redazionale

Il vice premier russo, considerato fino a pochi giorni or sono, esce di scena.
Al centro della questione appare un'inchiesta sui manager del centro di alta tecnologia di Skolkovo, sorto nel 2010 per volere di Dmitry Medvedev nel 2010.

Leggi...

Guerra civile in Siria

Guerra civile in Siriadi Diego Grazioli

Karim mangia una volta al giorno. Insieme alla madre e ai suoi tre fratelli, da quattro mesi vive nel campo profughi di Kelis, la piu' grande delle nove strutture allestite dalla mezzaluna rossa in territorio turco. La vita e' dura. Il padre e' rimasto in patria, a combattere con i ribelli. Una guerra fratricida quella che si combatte in Siria da circa due anni, che ha provocato 80mila morti e un milione e mezzo di rifugiati, secondo le stime dell'UNHCR. Il regime di Bashar Al Assad contro l'esercito libero siriano. Ma come tutte le guerre civili,  lo scontro non si puo' ricondurre unicamente a conflitti confessionali o a istanze riformiste.

Leggi...

Carla Del Ponte contro l'Amministrazione Obama

di Giorgio Castore 

"Forti sospetti concreti, ma non ancora la prova incontrovertibile" è la frase pronunciata in una intervista alla Radio Svizzera Italiana da Carla Del Ponte, componente della Commissione d'inchiesta dell'ONU per la violazione dei diritti

Leggi...

Esteri
IMAGEIs: l'impasse di Obama e il doppio gioco della Turchia
di Diego Grazioli -  Incurante delle sollecitazioni della comunità internazionale affinché venga presa una posizione esplicita, la Turchia non ha...

Leggi...


IMAGEBrasil decide futuro no segundo turno
de Eduardo Fiora  São Paulo (Brasil). Ainda não foi desta vez que uma terceira via conseguiu derrubar a polarização que ao longo de duas...

Leggi...


IMAGEBrasile alle urne
di Eduardo Fiora traduzione di Giuliana Giannessi San Paolo (Br) - Domenica prossima, 5 ottobre, circa 143 milioni di elettori brasiliani hanno...

Leggi...


IMAGEUn sogno: dimezzare la fame nel mondo
di Rosario Vitti -  Non so se in un mondo distratto da mille cose, sapere che ogni mattina circa 66 milioni di bambini nel mondo si recano a scuola...

Leggi...


IMAGEGuerra all'Is: l'attacco è cominciato
di Diego Grazioli "Le forze militari USA e delle nazioni partner stanno conducendo azioni militari contro i terroristi dell'Is in Siria". Con questo...

Leggi...


Italian Media s.r.l. - via del Babuino, 99, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu