Domenica, 19  Novembre 2017 14:21:47
  • Pubblicazione del 15 Ottobre 2014 ore 19.00
  
  
IMAGE
Is: l'impasse di Obama e il doppio gioco della Turchia

di Diego Grazioli -  Incurante delle sollecitazioni della comunità internazionale affinché venga presa una posizione esplicita, la Turchia non ha ancora deciso se e come dare il proprio contributo alla lotta contro il califfato islamico.Dopo una serie di aperture seguite da repentini dietrofront, il governo di Ankara ha infine negato alle forze della coalizione, l'utilizzo degli aeroporti militari nel sud del paese, come base di partenza dei raid contro le postazioni dei miliziani islamici...


Leggi...

Costume e Società

Gli angeli del fango
Mercoledì, 15 Ottobre 2014
di Alvise Predieri -  Ogni alluvione, terremoto e disastro ambientale ha i suoi eroi. Ma già di per sé la definizione di disastro ambientale o calamità naturale contiene in sé un ossimoro, un...

Leggi...


Addio Barbie, arriva Ebola
IMAGEMercoledì, 15 Ottobre 2014
di Simona Peroni -  Quando si dice che la vita non finirà mai di stupirci, credo si dica una sacrosanta verità. Dopo le raccomandazioni di creare solo giocattoli che abbiano qualcosa da insegnare...

Leggi...


La piaga di un’Italia senza futuro
Mercoledì, 15 Ottobre 2014
di Fabrizio Cerami -  Possiamo dire finalmente che il nostro Paese è tra i primi della classe, è proprio il caso di dirlo, rispetto agli altri 28 della Comunità europea per l'abbandono...

Leggi...


Africa, vendono un rene per il viaggio della speranza
Mercoledì, 15 Ottobre 2014
di Amedeo Feliciani -  Che cosa c'è dietro la donazione degli organi e i 65 mila trapianti che ogni anno si effettuano nel mondo?Fuori dalla legalità degli ospedali o dei centri autorizzati che...

Leggi...


Ottant'anni per una sentenza
Mercoledì, 15 Ottobre 2014
di Rosario Vitti -  Tutto ebbe inizio sabato 30 giugno del 1934, quando, alle ore 11 venne fissata la prima udienza della causa che vedeva contrapporsi il comune di Arienzo, in provincia di Caserta,...

Leggi...

Interni

Incursione nella politica
IMAGEMercoledì, 15 Ottobre 2014
di Michael Barons -  Io, quando ero giovane, alle politiche ho votato il PSIUP.Partito Socialista Italiano di Unità Proletaria.Naturalmente...

Leggi...

Scienza

Migrazioni ittiche verso i poli
Mercoledì, 15 Ottobre 2014
di Sergio Lo Martire -  Tra qualche decennio la Terra sarà attraversata da una vera rivoluzione che ne determinerà la sua vita futura e non certo in meglio, grazie al riscaldamento del Pianeta, ormai inarrestabile, che riguarderà anche le riserve ittiche degli...

Leggi...

Sinodo: tra aperture e chiusure

St. Peter’s Basilica 2013-09-16. Foto: Max_Ryazanovdi Antonello Cannarozzo

Il Sinodo va avanti tra gli entusiasmi e le paure, tra gli innovatori ed i conservatori, non solo tra i cardinali, ma anche tra quei cattolici, forse pochi, che seguono con apprensione gli avvenimenti della Chiesa.

Fra i tanti articoli, quello scritto qualche giorno fa da Marco Polito per il Fatto Quotidiano, offre l'occasione per alcune riflessioni su un certo laicismo attento più alla politica che non alla dottrina della Chiesa.
Polito inizia con una affermazione condivisibile «èil primo test della linea di papa Francesco di porre la Chiesa di fronte al mondo contemporaneo come “ospedale da campo” per sanare le ferite esistenziali degli uomini e delle donne dell’epoca attuale», ma poi scivola concludendo la frase: «al di là dei confini strettamente confessionali».
Ora, fino a prova contraria, la Chiesa è legittimata nella sua funzione salvifica proprio dalla dottrina e dalla sua professione di fede, dunque, scrivere «al di là dei confini strettamente confessionali», di cosa dovrebbe parlare di calcio o di cucina?
E poi, come per dare una pennellata a questa affermazione: «la Chiesa condanna in nome di un’astratta dottrina».
La dottrina, ricordiamolo, è la base della Chiesa, come per uno Stato laico lo è la Costituzione, perché i suoi insegnamenti sono basati sulla Sacra Scrittura e sulla tradizione apostolica, dunque da Gesù Cristo.
Non sono, dunque, una serie di norme astratte che possono essere cambiate secondo le mode culturali del tempo perché, come afferma lo stesso Gesù,: “Il cielo e la terra passeranno, ma le mie parole non passeranno” (Mt. 24,35).
Altro che astratta dottrina.
«Nelle prossime due settimane - prosegue Polito - potremo vedere se la strategia di Francesco si affermerà oppure se un coacervo di resistenze e di paure tenterà di frenarla».
In questa frase c'è tutta la legittima opinione del giornalista, ma perché parlare di coacervo e di paura di tentare di frenare queste aperture.
Sono molti nella Chiesa, come sa molto bene lo stesso Polito, che non vedono di buon occhio, non tanto le aperture verso le miserie umane del mondo, quanto lo stravolgimento della tradizione della Chiesa che in un continuo aggiornamento senza sapere dove sta andando se non in un ipotetico cammino, questo si molto astratto, verso Dio dopo che ha tolto di mezzo le proprie radici e rinnegando di fatto la propria memoria.
La funzione della Chiesa è, o meglio era, fin dalle sue origini, proprio di tramandare gli insegnamenti di Cristo per questa ragione, nonostante le folate di modernismo, non è una parolaccia dire che la Chiesa è tradizionalista per antonomasia, anche se, con i cambiamenti repentini, questa funzione basilare vacilla davanti ai molti distinguo che tanti uomini di Chiesa fanno commentando ogni punto della dottrina.
Bisogna sottolineare che in altri tempi, quando la Chiesa aveva consapevolezza del proprio ruolo divino, giusto o sbagliato che fosse, mai avrebbe affrontato temi come in questo Sinodo se non per condannarli, come: il divorzio, la contraccezione, l'aborto, la convivenze, le unioni di fatto, le coppe omosessuali, i bambini all’interno di unioni omosessuali, la poligamia, l'eventualità di concedere la comunione ai risposati, non per una chiusura miope e preconcetta, ma semplicemente perché questi sono, almeno fino a prova contraria, dei peccati gravissimi e mortali con i quali nessun fedele, né tanto meno dei prelati, possono o dovrebbero scendere a patti.
Ne va della salvezza dell'anima, l'unica vera e assoluta priorità della Chiesa.
Accettare o venire solo a patti con queste azioni, anche se per il mondo laico non hanno alcuna importanza, per la Chiesa significherebbe accettare dei peccati mortali commettendo di fatto un abominio.
Si parla sempre, ormai da cinquant'anni, che la Santa Sede deve aprirsi al mondo e comprenderlo, ma proprio questo mondo con le sue mode, i suoi errori e i suoi peccati è lo stesso per cui proprio Gesù proibì ai suoi apostoli di pregare. Secondo la dottrina di sempre, è la Chiesa che deve attirare a se il mondo per santificarlo e non viceversa come si cerca di fare oggi.
Accettando e aprendo la Chiesa anche ad uno solo di questi temi sinodali, probabilmente il mondo che finalmente la Chiesa non è più quella struttura stantia, polverosa ed anche arcigna che guardava al mondo con paura, ma è oggi una realtà che vuole confrontarsi con la realtà e in tanti approveranno con gioia questo suo nuovo corso, peccato che, come leggiamo nel Vangelo nel capitolo delle Beatitudini, Gesù, senza distinguo o pseudo - dialogo, afferma che :" ...guai a voi quando gli uomini diranno bene di voi perché in questo modo sono applauditi anche i falsi profeti".
Parole chiare a cui non tanto i laici, quanto coloro che si definiscono ancora credenti, dovrebbero riflettervi bene.

Costume e Società

Cordoba: pranzo solidale per la comunità italiana
IMAGE
Mercoledì, 15 Ottobre 2014
A fine settembre abbiamo appreso di una polemica sorta sull’elezione dei Comites che ha coinvolto i senatori ed il Governo. Il grande pubblico...

Leggi...

Cultura e Spettacolo

La Maccheronizzazione dell’Italiano
IMAGEMercoledì, 15 Ottobre 2014
di Luciano Torelli - Nella 1° puntata si è ricordato il significato del termine MACCHERONICO attribuito a un modo di contaminare una lingua;...

Leggi...

LA PAROLA DELLA SETTIMANA

IMAGE
di Roberto Mostarda -  Il termine scelto questa settimana purtroppo è legato nuovamente al verificarsi di tragedie e tragici incidenti nel nostro paese. Le vittime dell’ondata di maltempo che ha investito la penisola sono infatti lì davanti a noi a monito di quel che poteva e non è stato fatto o non è mai stato neppure pensato!Capiamo in primo luogo il significato di all’érta (o allérta).

Leggi...

RICEVIAMO E PUBBLICHIAMO


IMAGE
Sinodo: una voce per le aperture
Riceviamo, da un nostro lettore, una risposta all'articolo dell'8 ottobre di Antonello Cannarozzo,"Sinodo: tra aperture e chiusure" che volentieri pubblichiamo Egregio direttore,ho letto con interesse l'articolo di Antonello Cannarozzo sul Sinodo, il quale, per approfondire i temi scottanti sulla famiglia affrontati dalla assise ecclesiale, ha pensato bene di opporsi all'argomento non...

Leggi...


ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Italian Media s.r.l. - via del Babuino, 99, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu