Domenica, 23  Settembre 2018 03:51:13
  • Pubblicazione del 15 Ottobre 2014 ore 19.00
  
  

Brasil. R$-€: Vinho italiano perde mercado

Expo-vinus: foto Câmara Comercio Italo-Brasileira Rio de JaneiroBrasile. R$-€: il vino italiano perde mercato

de Eduardo Fiora  

Principal referência europeia para os brasileiros amantes do vinho, as garrafas "Made in Italy" perdem mercado diante da desvalorização da moeda nacional, o real, frente a moedas como euro e dólar. No primeiro semestre de 2013, a importação de vinhos italianos caiu 16% se comprada ao primeiro semestre de 2012, resultado pior do que obtido por Portugal (-12%). Já a importação de vinhos franceses registrou alta de 4% nos primeiros seis meses deste ano.
Chile e Argentina, que juntos representam mais de 57% das importações de vinho no mercado brasileiro também sofreram com a alta. As operações chilenas recuaram 0,2% enquanto que a importação de vinhos argentinos manteve-se no mesmo patamar.

Leggi...

Brasile: Il vino italiano perde mercato.

Expo-vinus: foto Câmara Comercio Italo-Brasileira Rio de Janeirodi Eduardo Fiora  
Traduzione di Giuliana Giannessi

Le bottiglie "Made in Italy", principale riferimento europeo per i brasiliani amanti del vino, perdono mercato a causa della svalutazione della moneta nazionale, il Real, di fronte a valute come l'euro e il dollaro. Nel primo semestre del 2013 l’importazione di vini italiani è diminuita del 16 % se confrontata con quella del primo semestre del 2012, un risultato peggiore di quello ottenuto dal Portogallo (-12 %). Mentre l'importazione di vini francesi ha registrato un aumento del 4 % nei primi sei mesi di quest'anno.
Anche Cile e Argentina, che insieme rappresentano oltre il 57 % delle importazioni di vino nel mercato brasiliano, sono state penalizzate per lo stesso motivo. Le operazioni cilene sono scese dello 0,2% mentre le importazioni di vini argentini sono rimaste allo stesso livello.

Leggi...

Gli affari prosperano nelle acque dell’Atlantico.

Il salone della nautica a GenovaNegócios florescem nas águas do Atlântico

de Eduardo Fiora

O mesmo mar que separa une brasileiros e italianos. Tem sido assim desde 1500 quando, meses antes de o português Pedro Álvares Cabral ter pisado, no dia 22 de abril,  em terra firme muito além de sua querida Lisboa, o navegador fiorentino Amerigo Vespucci explorava as águas do Rio Amazonas, ao norte de um imenso território que mais tarde viria a ser chamado de Brasil. Vespucci, financiado pela Coroa Espanhola, comandou três expedições ao Novo Mundo, todas documentadas em cartas.Passados mais de 500 anos da epopeia de Vespucci, Itália e Brasil, que também se uniram pelas águas Atlântico nas diásporas italianas pós-Risorgimento e pós-Guerras, voltam a se relacionar tendo o mar e a tecnologia como motores no mundo dos negócios.

Leggi...

Gli affari prosperano nelle acque dell'Atlantico

Salone della nautica a Genovadi Eduardo Fiora 
Traduzione di Giuliana Giannessi

Lo stesso mare che separa, unisce brasiliani e italiani. È stato così fin dal 1500 quando mesi prima che il portoghese Pedro Álvares Cabral posasse piede, il 22 aprile, in terraferma ben lontano dalla sua amata Lisbona, il navigatore fiorentino Amerigo Vespucci esplorò le acque del Rio delle Amazzoni, a nord di un territorio immenso che in seguito sarebbe stato chiamato Brasile. Vespucci, finanziato dalla corona spagnola, ha condotto tre spedizioni nel Nuovo Mondo, il tutto documentato in scritti.

Leggi...

Telefonia mobile. Dibattito antitrust in Brasile

Immagine pubblicitariaTelefonia móvel. Debate antitrust no Brasil

de Eduardo Fiora   

Assim que o grupo Telefónica anunciou, em 24 de setembro, ter elevado para 66% sua participação acionária na Telco, controladora da Telecom Italia, abrindo a possibilidade de deter 100% da holding a partir de 2014, uma pergunta agita o mercado brasileiro de telefonia móvel: diante da legislação antitruste, qual será o destino da TIM Brasil Serviços e Participações, empresa do grupo Telecom?O questionamento é mais do que pertinente, pois hoje a TIM Brasil, com 27,22% do mercado nacional, é concorrente direta da líder Telefónica Vivo (28,69). Uma vez nas mãos de uma mesma holding, no caso o grupo espanhol, a concentração de mercado será superior a 55%.

Leggi...

Telefonia mobile. Dibattito antitrust in Brasile

Marchio pubblicitariodi Eduardo Fiora 
traduzione di Giuliana Giannessi

Una volta che il gruppo Telefonica ha annunciato lo scorso 24 settembre di avere portato al 66 % la sua partecipazione azionaria nella Telco, che controlla la Telecom Italia, aprendo la possibilità di detenere il 100% della holding a partire dal 2014, una domanda agita il mercato brasiliano della telefonia cellulare: dinanzi alle leggi antitrust, quale sarà il destino della TIM Brasil Serviços e Participações, società del gruppo Telecom?
La domanda è più che pertinente dato che oggi la TIM Brasile, con il 27,22% del mercato nazionale, è una concorrente diretta del leader Telefonica Vivo (28,69). Una volta nelle mani della stessa holding, nel caso il gruppo spagnolo, la concentrazione del mercato supererà il 55%. Nel 2012, il fatturato delle due società ha oltrepassato i 52 milioni di reali (17 milioni di euro).

Leggi...

Tutti a tavola con Grana “made in Brazil”

Gran Mestri Presidente Dilma e o empresário Acari Menestrina-Foto Gran Mestri

Todos à mesa com o Grana "made in Brazil"

 - de Eduardo Fiora   - 

O sucesso de um dois tradicionais produtos usados na gastronomia italiana, o queijo Grana Padano, tem incentivado empresários brasileiros a investir, desde o final do século XX, na produção de um similar nacional.
Do Estado do Rio Grande do Sul, vem o exemplo pioneiro dessa admiração e verdadeira paixão pelo "Made in Italy". No mínimo, 12 meses de espera, após um cuidadoso trabalho artesanal, que une antigos rituais à mais avançada tecnologia. Tudo isso seguindo fielmente a cultura clássica italiana de fabricação de queijos. É assim que família Randon, cujo patriarca Cristoforo partiu da província de Vicenza rumo ao Brasil durante o grande êxodo pós-Risorgimento, deixa para os brasileiros mais um legado: o saboroso Gran Formaggio, inspirado no mundialmente famoso Grana Padano.

Leggi...

Tutti a tavola con Grana "made in Brazil"

Foto-Rasip Agro Pastoril: Gran Formaggio Raul Randon
di Eduardo Fiora 
Traduzione di Giuliana Giannessi

Il successo di uno dei tradizionali prodotti utilizzati nella gastronomia italiana, il formaggio Grana Padano, ha incentivato gli imprenditori brasiliani ad investire, fin dalla  fine del XX secolo, nella produzione di un prodotto nazionale simile.
Dallo Stato di Rio Grande do Sul, viene l'esempio pionieristico di questa ammirazione e vera passione per il "Made in Italy". Per lo meno 12 mesi di attesa, dopo un'attenta lavorazione artigianale che unisce antichi rituali alla tecnologia più avanzata. Tutto questo seguendo fedelmente la cultura classica italiana della fabbricazione del formaggio. È così che la famiglia Randon, il cui patriarca Cristoforo partì dalla provincia di Vicenza alla volta del Brasile durante il grande esodo post-risorgimentale, lascia ai brasiliani più di un’eredità: il gustoso Gran Formaggio, ispirato al mondialmente famoso Grana Padano.

Leggi...

Senador Longo: Cosanguinidade não tem fronteiras

Paolo: Il senatore Longo incontra la stampa di lingua italianade Eduardo Fiora

Pensemos na figura de um dirigente empresarial inserido num ambiente parlamentar que não aquele de seu país natal. Pensemos nesse parlamentar envolvido num ambiente político em pleno estado de efervescência, com tensão máxima entre as duas grandes forças políticas que há vinte anos se rivalizam.
Somemos tudo isso e teremos a cominação perfeita para que o mandato do senador Fausto Longo - 62 anos, brasileiro com cidadania italiana (neto de vênetos) - fosse exercido de forma absolutamente retraída, certo? Errado.

Leggi...

Il senatore Fausto Longo: consanguineità senza frontiere

San Paolo: Il senatore Longo incontra la stampa di lingua italianadi Eduardo Fiora 
Traduzione di Giuliana Giannessi

Pensate alla figura di un leader imprenditoriale inserito in un ambiente parlamentare che non è quello del suo paese natale. Pensate a questo parlamentare coinvolto in un ambiente politico in pieno stato di fermento, con la massima tensione tra le due maggiori forze politiche che da venti anni sono rivali.
Sommate tutto questo ed avete la perfetta sensazione perché il mandato del senatore Fausto Longo - 62 anni, brasiliano con cittadinanza italiana (nipote di veneti) - fosse esercitato in modo completamente riservato, giusto? Sbagliato.

Leggi...

Italian Media s.r.l. - via del Babuino, 99, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu