Giovedì, 26  Aprile 2018 14:07:40
  • Pubblicazione del 15 Ottobre 2014 ore 19.00
  
  

Mondiali 2014: il Brasile garantisce la sicurezza

copa_seguranca_2di Eduardo Fiora
traduzione di Giuliana Giannessi

Il clima di insoddisfazione dei brasiliani, quando mancano due settimane all’inizio della Coppa del Mondo FIFA 2014, è generalizzato e si diffonde in tutto il paese, mettendo spesso in scacco il presidente della Repubblica, Dilma Rousseff. Per evitare lo scacco matto e allontanare gli scenari caotici in settori quali la sanità, i trasporti e la sicurezza, il governo brasiliano è in uno stato di allerta permanente.

Questa mobilitazione, ha incluso, ad esempio, azioni nei tribunali di giustizia al fine di impedire che agenti della polizia federale (responsabile per la sicurezza nei porti, aeroporti e frontiere ed emissione di passaporti) entrino in sciopero durante il periodo della Coppa, rivendicando salari migliori.
Con investimenti di 1,9 miliardi di reali (€ 600.000.000), l'operazione di sicurezza e di difesa per la Coppa del Mondo annovera 157.000 funzionari di polizia civile e delle forze armate. Il piano operativo è iniziato il 23 giugno e va fino al 18 luglio, cinque giorni dopo la finale prevista per il 13 luglio.
A questo contingente si aggiungono 20.000 guardie di sicurezza privata assunte dalla Federazione internazionale di calcio (FIFA) , che si prenderanno cura dei perimetri interni ed esterni degli stadi e degli altri locali ufficiali della federazione, come gli alberghi dove verranno ospitate le delegazioni ed i centri di allenamento. In questi luoghi, l’operazione é a totale carico delle guardie di sicurezza private, ma anche la forza pubblica sarà presente e sarà attivata in caso di necessità. In media saranno 900 agenti privati per ogni partita.
Il Segretario straordinario della sicurezza dei grandi eventi, del Ministero della Giustizia, Andrei Rodrigues, ha detto che il paese è preparato per garantire la sicurezza durante la Coppa del Mondo. "Siamo pronti a ricevere turisti stranieri, autorità e delegazioni e garantire la sicurezza di tutti. Le forze dell’ordine sono pronte per qualsiasi intervento, come attacchi terroristici e manifestazioni violente. Non tollereremo atti di vandalismo, saccheggi e depredazioni". (Fonte: Agenzia del Brasile).

Italian Media s.r.l. - via del Babuino, 99, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu