• Pubblicazione del 15 Ottobre 2014 ore 19.00
  
  

Alla ricerca dell’oro

Il massiccio del Monte Rosa - Alpi Pennine – Italy. Foto: Nostromodi Luisanna Tuti - 

Un giacimento di 20 km quadrati d’oro, superiore a quelli sudafricani, sembra esistere nelle viscere del Monte Rosa.
Ad affermarlo è la biologa Rita Mabel Schiavo che aggiunge: “non è sfruttato per motivi di sicurezza, di costi e problemi ambientali”. A testimonianza di ciò, nei pressi di Macugnaga, in provincia di Verbania, sono presenti oltre 60 km di gallerie sotterranee, appartenenti ad una antica miniera, chiusa nel 1961 dopo che, a seguito di un incidente, erano morte 4 persone. Il prezioso metallo risale alle fasi glaciali dell’era Quaternaria e si presenta sotto forma di lamelle e granelli. Tracce di sfruttamenti minerari si trovano in questa zona già in alcuni documenti scritti da Plinio ed altri, comprensivi di autorizzazioni per “cavare oro” risalgono all’epoca di Barbarossa. Fino alla seconda guerra mondiale centinaia di minatori erano impegnati nella zona da Varallo Pombia a Galliate.

Difficile ai giorni nostri reimpiantare una struttura per l’estrazione del  prezioso metallo. E’ facile immaginare che le associazioni per la difesa dell’ambiente farebbero quadrato agli imbocchi delle miniere. Pertanto la ricerca rimarrà solo un hobby per pochi eletti che si vorranno addentrare negli oscuri meandri delle Alpi Pennine, portando a casa qualche sassolino per ricordo.
Per questa ragione la Schiavo, che fa parte dell’Associazione Didattica Museale, il 12 ottobre ha organizzato una gita sulle sponde del Ticino che permetterà agli aspiranti milionari di trascorrere una giornata divertente, immedesimandosi nei favolosi ricercatori di un tempo che fecero vere fortune immersi per ore nelle ricche acque dei fiumi del West.
Speriamo che, inseguendo questo “sogno” non arrivino intere carovane da tutta Italia ed oltre, impiantando accampamenti nella valle Anzasca con immensa gioia dei, notoriamente, riservati valligiani.

Italian Media s.r.l. - via del Babuino, 99, Roma, c.a.p. 00187, p.IVA 09099241003, edita il settimanale Italiani con registrazione al Tribunale di Roma n. 158/2013 del 25.06.2013 - email: info@italianmedia.eu